Pronostici calcio

Pronostici calcio per le tue
scommesse

Poker Bwin 600 euro di bonus benvenuto

bonus poker 600 euro Un vero trampolino di lancio per gli appassionati di poker e per tutti coloro che vogliono diventare dei veri professionisti del poker. bwin ti offre ben 600 euro di bonus di benvenuto. Un occasione unica e da non perdere se ancora non sei registrato.

Ricordiamo che con il poker di bwin potrai giocare sia senza scaricare alcun software, quindi tramite browser, che scaricando il software per windows e mac.

 

 

 

 

 

Vuoi sapere come ottenere fino a 600€ di bonus? Segui questi passi:

  1. Registrati a bwin da questo link e non da altre parti
  2. Effettua un versamento di almeno 10 euro entro dieci giorni da quando ti sei registrato
  3. Riceverai un bonus del 100% sul tuo primo versamento. Versi 10euro? bwin te ne aggiungerà altri 10. Versi 600 euro? bwin te ne aggiungerà altri 600. Non male vero?

Grazie a questa super promozione potrai avere un bel budget a disposizione per partecipare anche ad importanti tornei e diventare un vero professionista del poker pronto per essere selezionato dagli sponsor che seguono sempre i migliori poker player.

PKR Bonus pro500

Fino a €500 di bonus sul primo deposito

Bonus PKR Sfrutta il generoso bonus di benvenuto del 100% sul primo deposito fino a un massimo di €500. Per ottenerlo devi cliccare su un link a pkr che trovi in questo articolo o sull’immagine qui a sinistra e, al momento del primo deposito, inserire il codice bonus pro500 dedicato a tutti gli utenti di Pronostitalia.com che amano giocare a poker.

Questa promozione è riservata a tutti coloro che si iscrivono attraverso i banner o i link di pkr presenti sul nostro sito e digitano il codice pro500.

Ricordiamo che PKR è un operatore di poker online internazionale che opera in Italia con regolare concessione AAMS. Per la sua grafica tridimensionale sta ormai spoplando nel mercato italiano. Crea il tuo Avatar 3d e inizia a giocare.

Termini e Condizioni del Bonus

  1. Il Bonus è disponibile solo ed esclusivamente per il primo versamento dei giocatori che si registreranno su pkr.it con un deposito minimo di €10.
  2. Per aver diritto al bonus occorre indicare, nell’apposito campo, il codice pro500 all’atto del versamento
  3. Il Bonus ottenibile è pari al 100% dell’importo versato, fino ad un massimo di €500.
  4. Il Bonus verrà accreditato sul conto gioco in rate pari al 5% del valore totale del Bonus, quando si raggiungeranno i punti PKR richiesti, quantificabili in 350 Punti PKR per ogni €1 di Bonus pendente. Per esempio: con un deposito di €100 si ottiene il diritto ad un Bonus di € 100, che verrà accreditato in 20 rate da €5 ogni volta che si accumulano 1750 Punti PKR (praticamente 350×5).
  5. Ai fini dell’ottenimento del Bonus verranno calcolati solo i Punti PKR accumulati durante la partecipazione a tavoli cash e a tornei con soldi veri. Ai fini del rilascio del Bonus non sono validi i punti PKR guadagnati tramite tornei con Punti PKR, concessioni o regali.
  6. Ecco come vengono accumulati i punti PKR : nei tornei, 1 punto ogni 0.01€ di quota di iscrizione; nei tavoli cash, 1 punto per ogni 0.01€ di contributo rake. Il contributo rake rappresenta la percentuale di ogni piatto relativa alle puntate effettuate del giocatore in ciascuna mano e rimane soggetta ai limiti massimi di rake per la mano.
  7. Il Bonus intero, o la porzione di esso ancora non riscattata, scadrà dopo 60 giorni dalla data del primo versamento. Dopo tale periodo, nessun ulteriore accredito del Bonus sarà possibile.
  8. È concesso un solo bonus per Conto di Gioco.
  9. PKR si riserva il diritto di sospendere, modificare o ritirare la presente promozione a sua esclusiva discrezione con effetto immediato e senza preavviso, senza che tali atti diano adito a responsabilità alcuna, fatti salvi gli eventuali diritti acquisiti dai giocatori fino a quel momento.

Ricordiamo che il poker online, secondo la legge italiana, è riservato ad utenti che hanno raggiunto la maggiore età.

Il Bonus Poker più ricco in Italia 600€

bonus pokerArriva da Bwin il bonus di benvenuto più ricco d’Italia.

Sono ben 600 euro di bonus che si possono ottenere grazie all’ultima promozione proposta dalla poker room di Bwin.

Per assicurarti il tuo bonus del 100%, registrati su bwin da questa pagina in modo da assicurarti la promozione dei 600€, effettua un versamento di almeno 10EUR sul tuo conto entro 10 giorni dalla registrazione e bwin raddoppierà il tuo versamento, fino a 600€. Una volta registrato troverai il regolamento della promozione sul sito di bwin che ti spiega nei dettagli come fare ad incassare man mano il tuo bonus.

Un occasione davvero da non perdere se ami il poker online e ancora non sei iscritto al poker di Bwin

Dal 7 luglio 2011 si sospendono i bonus di benvenuto che saranno ripristinati in data da stabilire.

Ripresi i bonus di benvenuto sul poker – bonus 600 euro

Torneo di poker online Pronostitalia Friday 22:30

Torneo Poker Carissimi amici di Pronostitalia.com per stasera venerdi 10 giugno 2011 Pronostitalia.com organizza un torneo di Poker online solo per gli utenti di Pronostitalia.com.

Per indicare la Vostra adesione vi aspetto sul nostro Forum nella seguente sezione

Torneo di Poker – Pronostitalia PS Friday 100611

La piattaforma di poker utilizzata sarà quella di Pokerstars Italia che è idonea sia per utenti Windows che per utenti Mac.


Dettagli torneo di poker online

ID Club:    112254     
ID Torneo:    402886942
Data:            10/06/2011 22:30 CET
Tipo di gioco:    Hold’em
Struttura puntate:    NL
Buy-in:                    EUR 5Struttura Tornei:    Normale
Struttura Payout:    Migliori 15%
Torneo valido per le classifiche del Pronostitalia Poker Club

Per registrarti al torneo devi:

  1. essere registrato a Pokerstars.it
  2. essere iscritto al Pronostitalia Poker Club

Betpro poker league

La Betpro poker league 2011 – 2012 è un campionato di poker organizzato da Betpro che va dal 1 maggio 2011 al 29 febbraio 2012.

betpro poker league

In base al buy-in la poker league è suddivisa in campionati:

  • serie c buy-in da 0,10€ a 5 €
  • serie b buy-in da 5,1€ a 25€
  • serie a buy-in da 25,1€ a 50€
  • champions league buy-in da 50,1€ a 100,00€
  • mondiale per club buy-in da 100,1€ a 250,00€

Ogni mese vngono pubblicate due classifiche per campionato: la Top Winner e la Top Regular

Classifica Top Winner
ogni 0.025€ vinto nell’arco del mese verrà accreditato 1 Punto Classifica in base alla Fascia di Gioco del Campionato. L’utente che a fine mese avrà ottenuto il punteggio classifica più alto si aggiudicherà il premio. A parità di punteggio verranno presi in considerazione i seguenti parametri per procedere alla nomina del vincitori: A)Numero di Tornei (Tornei Programmati – Sit&Go – Heads-Up) Vinti. B) Numero di Tornei (Tornei Programmati – Sit&Go – Heads-Up) Giocati
Qualora si dovesse verificare un’ulteriore situazione di parità il premio in palio verrà equamente diviso tra i vincitori

Classifica Top Regular
vince la classifica chi avrà disputato il maggior numero di tornei (Tornei Programmati – Sit&Go – Heads-Up) nell’arco del mese in base alla Fascia di Gioco del Campionato. A parità di tornei giocati verrà considerato 1 punto classifica per ogni 0.025€ giocati e vincerà l’utente che avrà ottenuto il punteggio più alto.
Qualora si dovesse verificare un’ulteriore situazione di parità il premio in palio verrà equamente diviso tra i vincitori


BONUS POINTS SHOP
I primi tre qualificati di ogni Campionato hanno diritto al Bonus Points shop che viene calcolato in percentuale considerando il posizionamento in classifica (esempio Campionato “Serie C”: I° 40%, II° 30%, III° 20%), sul totale delle tasse d’iscrizione al poker (Tornei Programmati – Sit&Go – Heads-Up), generati nell’arco del mese a seconda del Campionato  di riferimento. Accreditati sottoforma di Punti Shop (1 Punto Shop ogni 0.0014€)

TICKET TPP
Poi abbiamo i premi in ticket. Il Ticket TPP (Talent Poker Player) assegnato dà diritto all’accesso ad un torneo riservato (ogni secondo Martedì del mese successivo, alle ore 21 in diretta streaming) In palio al vincitore una sponsorizzazione Live nel circuito Betpro Live Poker Tour 2012

Tutte le altre informazioni le puoi trovare direttamente su Betpro. Iscriviti e scala anche tu le classifiche della Betpro Poker League


Poker League

Lascia il tuo ego a casa

pokerOgnuno di noi giocatori di Texas Hold’em ha il proprio orgoglio, che spesso pero’ non e’ amico al tavolo da Poker. Quando infatti sta giocando una partita di Texas Hold’em e’ necessario liberare la nostra mente da ogni sentimento in grado di peggiorare il nostro gioco: rabbia, frustrazione, desiderio di rivalsa, invidia etc.. non sono benvenuti al tavolo da poker ed e’ meglio limitarne o annullarne del tutto l’impatto. In particolare mi riferisco a quei giocatori di Texas Hold’em, definiti ego players, i quali ne fanno una questione personale per ogni mano: sia che vengano bluffati, sia che vengano rilanciati, sia che vengano callati con una mano migliore. Tali giocatori vedono il Texas Hold’em come uno scontro tra personalita’, ingaggiando spesso duelli di rilanci quando incontrano un proprio simile, oppure rimanendo in piatti che non gli appartengono, motivati dal solo fatto che un proprio “nemico” e’ ancora presente. Fidatevi che questo tipo di players non e’ destinato a fare strada nel mondo del Texas Hold’em.

LA CORRETTA MANIERA DI VEDERE LE COSE

Ricordiamoci sempre che quando stiamo giocando una partita di Texas Hold’em, o di poker in generale, le nostre chips non ha piu’ valore di altre, e nessuno preferisce le nostre chips a quelle di un altro giocatore: e’ semplicemente il tipo di gioco che impone questo, ovvero che ogni giocatore debba cercare di vincere quante piu’chips possibile. Nessuna sfida personale. Quindi quando qualcuno rilancia la nostra continuation bet e poi mostra un puro bluff non lo fa perche’ gli stiamo antipatici, ma lo fa’ perche’ e’ cosi’ che si gioca a Texas Hold’em, ovvero le sue azioni sono motivate da ragionamenti logici, per esempio la nostra tendenza ad effettuare continuation bet troppo spesso, e da considerazioni razionali, mostrandoci il bluff tale giocatore spera di indurci in tilt.

PACE INTERIORE

Quindi se siete giocatori di Texas Hold’em con tali tendenze cercate di adottare un atteggiamento “pacifico” verso voi stessi, evitando di prendervela per questa o quella giocata effettuata da Tizio o Sempronio, ma invece sfortavei di essere “nice guys” evitando commenti, e implicitamente accettando le regole del gioco. E provate a mettervi nei panni del giocatore al quale avete rilanciato ogni singola puntata, perche’ ogni volta avevate in mano un buon punto, non pensate che anche lui debba sentirsi offeso dal vostro comportamento, e magari cercare la prossima occasione per farvi pagare l’affronto di avere rilanciato le sue puntate cosi’ spesso? Siate sicuri che se avrete di fronte un buon giocatore di Texas Hold’em questo non accadra’. Mettere da parte il proprio orgoglio e il proprio ego e’ capacita’ indispensabile per un giocatore di Texas Hold’em, il quale deve essere in grado di non lasciare che i sentimenti prendano il sopravvento sulla razionalita’.

Articolo a cura di Poker.it

heads up – hold em texas poker

Heads up, è una fase di un torneo di poker texas hold em che bene o male, se si vuole vincere, si è costretti ad affrontare. Difficilmente ad un tavolo finale di poker texano il vincitore elimina più di un giocatore in una sola mano e vince il torneo. Ovviamente può capitare, ma in genere alla finale si finisce sempre in due a contendersi il premio di un qualsiasi torneo di poker, sia esso un sit&go che un satellite che una finale di un tavolo nazionale piuttosto che internazionale. La cosa affascinante della fase heads up è che si è quasi costretti a dover cambiare il modo di gioco. Se sei stato così bravo ( oltre che fortunato ovviamente ) da arrivare ad un heads up di un tavolo finale molto probabilmente avrai adottato una strategia ben precisa che hai adattato ai vari tavoli che hai affrontato. Nell’heads up tutto cambia. A volte sembra che sei quasi costretto ad impegnarti a leggere un 72 di cuori  al preflop come un AA in una normale mano. Nell’heads up si vola in all in come se niente fosse … e questo per mostrare all’avversario di avere un punto molto forte, non tanto per affrontare il flop turn e rivar ma soltanto per farlo foldare. Questo capita soprattutto quando in heads up parti con poche chips rispetto all’avversario. Meni chips hai e più tendi a raisare. Un pò come un leone ferito che comincia a ringhiare per non essere attaccato. Soprattutto nei sit&go vi sarà capitato di terminare un torneo in cui nella fase finale heads up avevate l’80% delle chips e in poche mani avete perso tutto. Beh! E’ una cosa abbastanza frequente questa. Per non far alzare troppo il tono del “leone ferito” che spara all in a raffica,per tenerlo a bada, si rischia di fare il suo gioco chiamando le mani magari con AK e perdendole contro tris di 2. In breve, dopo soli raddoppi dell’avversario, ci si trova in una situazione di 60% avversarsario e 40% noi. Bella roba! Eravamo quasi convinti di vincere e in sole due mani siamo andati sotto. Ovviamente possiamo anche metterci nei panni dell’avversario ed essere contenti di aver ribaltato in sole due mani una sitazione che sembrava teoricamente irrecuperabile. Nel hold em sono addirittura nati dei tornei di soli heads up. Tutto il torneo si svolge in modalità heads up come se fosse un tabellone ad eliminazione diretta tra squadre di calcio.

A questo punto, se posso permettermi di darvi un consiglio … esercitatevi negli heads up se volete avere qualche chance di vincita in un torneo importante. L’heads up è una fase che sicuramente vi troverete ad affrontare nel caso siate arrivati alla fine … almeno si cerca di farsi trovare meno impreparati e pronti a cambiare continuamente strategia di gioco.

Il miniraise nel Texas Hold’em Heads Up

texas-holdemEssendo diventato ultimamente uno specialista di Texas Hold’em giocato in versione Heads up turbo voglio prendere in esame un tipo di rilancio con cui spesso mi sono trovato in difficolta’: il mini raise. Premetto che non sono un fan del mini raise e che preferisco utilizzarlo solo a partire dal terzo livello di un sit and go heads up, ovvero quello caratterizzato da bui di 25/50 chips.

Devo pero’ ammettere che quando ho a che fare con un valido giocatore di Texas Holde’m che utilizza il mini raise sin dal primo livello spesso mi trovo in difficolta’. Ricordiamoci infatti che nel poer heads up l’aggressione e’ fondamentale, e la maggiorazna dei piatti vengono vinti dal giocatore che ha dimostrato maggiore intraprendenza, dla momento che spesso entrambi i players mancheranno il flop.

Read moreIl miniraise nel Texas Hold’em Heads Up

Le provocazioni al tavolo di Texas Hold’em

provocazioniAi giocatori di Texas Hold’em italiani piace, forse più che a chiunque altro, provocare il proprio avversario, utilizzando ogni genere di stratagemma: commentando le cattive giocate, esultando e a volte offendendo il malcapitato di turno, lamentandosi con una terza persona quando qualcuno, magari un novizio del Texas Hold’em, comette un errore grossolano ma viene premiato dalla dea bendata. Questo genere di comportamenti genera una tensione al tavolo che danneggia non solo il provocatore ma anche il provocato, dando vita ad una competitività estrema tra i due o più giocatori coinvolti, riducendone la qualità del gioco ed aumentandone la tendenza a fare call senza pensarci troppo su.

FREE MONEY

Essendo il Texas Hold’em un gioco a somma nulla, ovvero quando c’è qualcuno che perde ci deve per forza essere qualcun altro che vince, tutto questo significa che i giocatori non coinvolti nella “battaglia” avranno tutto da guadagnare da questa situazione. Se infatti sono presenti 8 giocatori al tavolo, e due players iniziano un sanguinoso conflitto, il valore atteso di questi ultimi diminuira di una variabile X, corrispondente all’esatto aumento del valore atteso degli altri 6 players seduti al tavolo, ponderato per il loro livello di abilità. Questi giocatori di Texas Hold’em vedranno dunque aumentare il proprio tasso di vincita senza aver fatto nulla, ma solo grazie alle escandescenza di due loro colleghi che continueranno a darsi battaglia finchè uno dei due non avrà la meglio, salvo poi rendersi conto che a perdere sono entrambi.

MAI PARTECIPARE AD UNA PROVOCAZIONE

Il buon giocatore di Texas Hold’em in questi casi non si schiera mai con uno o con l’altro dei contendenti, poiché in questo modo finirebbe per diventare a sua volta un bersaglio, ma invece si limita a gesti e parole di circostanza, dimostrando a chiunque di non voler essere coinvolto nella disputa. Allo stesso modo quando subiamo una provocazione da un altro giocatore è molto meglio mordersi la lingua e ingoiare il rospo, piuttosto che controbattere, dal momento che così facendo diamo vita a quello che effettivamente lui vuole: una battaglia. Le battaglie di Texas Hold’em finiscono senza vincitori e con tanti vinti. Chiaramente mai e poi mai vorremmo essere noi a provocare un avversario, se non i casi particolarissimi tipicamente legati ad Heads Up finali di un torneo di Texas Hold’em, perché non solo dimostrazione di cattiva educazione e scarsa sportività ma anche controproducente per il nostro portafoglio.

Articolo a cura di Poker.it, portale di informazione sul poker online in Italia.

PR: wait… I: wait… L: wait… LD: wait… I: wait… wait… Rank: wait… Traffic: wait… Price: wait… C: wait…

Stop and Go nel Texas Hold’em

Stop and GoVi voglio parlare oggi di una giocata che può sembrare obsoleta, che di sicuro non và di moda come lo squeeze o lo slow play, che viene scarsamente applicata, ma che può dare enormi risultati a coloro i quali sono in grado di utilizzarla a dovere.

Sto parlando dello stop and go, che non è quello a cui siamo abituatti in Formula 1 e neanche l’ennesima variante di sit and go inventata dai ragazzi di full tilt poker, ma di una tecnica di gioco del Texas Hold’em poker.

Quando facciamo uno stop and go a Texas Holdem infatti andiamo a giocare una mano come se fossimo all in pre flop, ma adottando un piccolo “trucchetto”.

Un esempio di Stop and Go

Come spesso capita in una partita di Texas Hold’em in modalità torneo o sit and go è probabile ritrovarci in situazione di bui molto alti, se comparati al nostro stack. Tali situazioni spesso si risolvono, in maniera corretta, in situazioni di all in or fold: facciamo all in con un determinato range di mani mentre foldiamo con altre. Chiaramente però a volte i bui sono troppo bassi per fare semplicemente all in ma troppo alti per giocare una mano regolarmente. Ed è in tali situazioni che lo stop and go può veramente darci una mano.

Senza Stop and Go

Supponete di stare giocando le fasi finali di un sit and go, con bui di 100/200 e stack di 2000 ciascuno. Ci troviamo dallo sb con 77 quando il nostro avversario opta per un raise 3x; noi ci pensiamo un attimo e decidiamo per uno shove all in prontamente callato dal nostro avversario con 99. Board JQ356 e fine dei giochi per noi. Attenzione: non c’è qui nessun errore nella nostra giocata, semplicmente una situazione inevitabile dettata dal livello dei blinds. Almeno quasi inevitabile..

Con lo Stop and Go

Supponete infatti di giocare la mano precedente di Texas Hold’em in maniera un po’ diversa ovvero utilizzando lo stop and go. Ricordatevi bene che, decidendo di fare ciò, avete già in mente di giocarvi tutte le vostre chips al flop, qualunque esso sia. Quello che cambia è semplicemente la tempistica. Quando infatti il nostro avversario farà il suo raise 3x noi avremo già in mente di fare all in, ma semplicemente lo faremo al flop, che in questo caso sarà appunto JQ3, rendendo molto difficile per il nostro avversario fare call con in mano una coppia di 9. Fermarsi e ripartire a volte nel Texas Hold’em può risultare essere la decisione vincente.

Articolo a cura di Poker.it

This website is not part of Facebook or Facebook Inc. Additionally, this website is not endorsed by Facebook in any way, Facebook is a trademark of Facebook Inc.